fbpx

Dislivello: 260 m in salita, 915 m in discesa
Lunghezza: 11 km circa
Tempo di percorrenza: 4 ore e 30 minuti
Sentiero: n. 438, 443, 436, 458, 467
Difficoltà: Tappa Escursionistica per esperti

Dal Rifugio Nuvolàu si ritorna a nord, per il sentiero n. 439, alla Forcella Nuvolàu e per la stradina (sempre sul n. 439) si prosegue a nord est fino a un bivio. A sinistra (nord) si può raggiungere in breve il Rifugio Scoiattoli, 2255 m (proprietà privata, servizio d’alberghetto con 42 posti letto tel. 0436 867939, aperto anche d’inverno), dove giunge la seggiovia dal Rifugio Bàin de Dònes presso la Statale 48 delle Dolomiti, utile in caso di “abbandono”. Si continua a destra (nord est) e si giunge ben presto al Rifugio Cinque Torri, 2137 metri.

Il Rifugio Cinque Torri, subito a ridosso delle piccole e maestose torri dolomitiche, vanto della conca cortinese, è di proprietà privata; aperto da giugno a settembre fa servizio di alberghetto con 16 posti letto; telefono rifugio +39 0436 29 02.

Dal Rifugio Cinque Torri si scende un po’ fino a un bivio dal quale si segue a destra (est) una stradina (ancora segnata con il n. 439) che poco dopo prende a nord in direzione della Statale 48. Si prosegue invece a est sul sentiero n. 437 che scende al Ponte de Rucurto, 1708 m, sulla Statale 638 del Passo Giàu. Attraversata la strada si riprende subito il n. 437 verso est e si risale un dosso boscoso e un gradone, quindi si passa il torrente della Val Formìn, a nord del complesso della Croda da Lago. Qui si incontra il buon sentiero-mulattiera n. 434. Si prende questo e si sale dapprima con alcuni ripidi tornanti, quindi quasi in piano per la Val Negra, fino a raggiungere il bellissimo luogo dove sorge il Rifugio Croda da Lago “Gianni Palmieri”, 2046 m, sul bordo meridionale del romantico Lago Fedèra o Lago da Lago.
Ore 4 circa dal Rifugio Nuvolàu

Il Rifugio Croda Lago è di proprietà della Sezione di Cortina del CAI ed è intitolato alla Medaglia d’Oro della Resistenza Gianni Palmieri. Sorge sulle sponde di un bellissimo lago alpino, nelle cui acque si specchiano le guglie ardite del Gruppo della Croda da Lago. Costruito nel 1901 e ristrutturato nel 1947, fa servizio d’alberghetto con 45 posti ed è aperto dal 15 giugno al 30 settembre; acqua all’interno; servizi igienici interno-esterno; doccia; locale invernale con 2 posti; Stazione di Soccorso del CNSAS “118”; telefono rifugio +39 0436 86 20 85. www.crodadalago.it – Email: info@crodadalago.it

Dal Rifugio Croda da Lago-Gianni Palmieri si prende a sud la comoda mulattiera segnata n. 434 che in una oretta circa porta alla Forcella Ambrizzòla, 2277 m, dalla quale si prosegue per il Rifugio Città di Fiume come già descritto nella quinta tappa.
Ore 6,30 circa dal Rifugio Nuvolàu

Emanuele Repola

About Emanuele Repola

Leave a Reply