fbpx

Dal Rifugio Sommariva al Pramperét al Rifugio Pian de Fontana
Dislivello: in salita 540 m; in discesa 760 m
Lunghezza: circa 6 chilometri
Tempo netto: ore 3
Sentiero: 514
Difficoltà: EE

Dal Rifugio Sommariva al Pramperét si riattraversa a est per un po’ il Pra de la Vedova, poi si prende il primo sentiero che si stacca sulla sinistra (sud ovest), che porta il n. 514. Questi sale i dossi fra i mughi e poi taglia, più in alto, le pendici della cima orientale delle Balanzòle in versante Pramperét.
Raggiunto un vallone con lastronate strane e piccole conche (in basso acqua) il sentiero sale infine per il pendio di pascolo alla Portèla del Piazedèl, 2097 m, a sud delle rocce della Cima Est de le Balanzòle. Ora si prosegue a sud, sul versante della dantesca Val Clusa e si percorrono i Piazedìai per oasi verdi e tratti ghiaiosi con lastronate, fino all’alta spianata con zolle erbose e fiorite, ghiaie e piccoli nevai all’inizio di stagione, chiamata Vant dei Piazedìai, 2050 metri circa.
Dal Vant si traversa verso sud in direzione del costone verdeggiante del Baranción, quindi si sale per detriti e zolle con roccette, a zig-zag, fino ad una forcelletta a quota 2330 m, dalla quale appare il grandioso e selvaggio Valón dei Erbàndoi.
Su ora per la crestina fino a una spalla di erbe, poi ancora su roccette gradinate, non difficili, da dove una buona traccia pianeggiante taglia le ghiaie e raggiunge la Forcella Sud dei Van de Città, 2395 m circa. Si apre, impressionante, la visione sui Van de Città, alte conche di aspetto lunare, di grande, strana e severa bellezza, certamente uno fra i più romantici luoghi montani.
Le Presón (Prigioni), così chiamate per alcune ‘celle’ incavate nella roccia, divide il Van de Città (Zità) de entro dal Van de Città de fòra; l’Alta Via percorre il Van de fòra.
Dalla forcella si scende per pascolo magro e lastroni facili fino al fondo del Van, sotto la Forcella dei Erbàndoi, poi si scende un primo gradino e si tocca il vallone sottostante che si percorre verso nord est fino a una balza erbosa a quota 2030 m, sotto le Presón.
Per ambiente severo, ricchissimo di flora d’ogni tipo, si scende infine per ripide balze erbose (attenzione se bagnate) fino al sottostante Rifugio Pian de Fontana e all’annesso Bivacco “Renzo Dal Mas”, 1632 metri.
Ore 3 dal Rifugio Sommariva al Pramperét

Il Rifugio Pian de Fontana sorge sul luogo della vecchia struttura pastorale costruita nel 1935. Il rifugio è stato realizzato nel 1993 e il bivacco nel 1994, ricavato da una costruzione rurale adiacente. Di proprietà della Sezione di Longarone del CAI, è aperto dal 20 giugno al 20 settembre e offre servizio di alberghetto con 28 posti letto, più 12 nel vicinissimo Bivacco “Renzo Dal Mas”; acqua all’interno; illuminazione con gruppo elettrogeno; servizi igienici all’interno e esterno con acqua calda e doccia; Stazione di Soccorso del CNSAS “118”; telefono rifugio 335 6096819. www.goldnet.it/piandefontana

Emanuele Repola

About Emanuele Repola

Leave a Reply